Share This

PINOT NERO – VITIGNO INTERNAZIONALE

DESCRIZIONE

Il Pinot nero è un vitigno a bacca nera e sebbene sia di origine francese, è conosciuto in tutto il mondo. Per questo motivo è definito un vitigno internazionale. 

É molto difficile da allevare e da vinificare e a parità di tipologia il vino, terroir diversi danno origine a differenti e spesso straordinarie espressioni.

PRODUZIONE

Due sono le principali tipologie di vini prodotto: i vini rossi, generalmente in purezza, ottenuti da una vinificazione  in rosso e lo Champagne ottenuto, insieme ad altri vini (Chardonnay in primis),  dalla vinificazione in bianco delle bucce 

DIFFUSIONE

In Francia due sono le regioni in cui è allevato il Pinot Nero e dove raggiunge punte di eccellenza:

  • la Bourgogne, regione della Francia centro-orientale, zona di origine dove è vinificato in rosso
  • la Champagne, regione della Francia nord-orientale dove è vinificato in bianco

Anche in Italia la sua diffusione è legata al tipo di vinificazione:

  • vinificazione in rosso, nel Trentino-Alto Adige, Oltrepò Pavese, Veneto, Friuli e recentemente anche in Toscana.
  • vinificazione in bianco nelle zone in cui si producono grandi spumanti metodo classico come l’Alta Langa, il Franciacorta, l’Oltrepò Pavese e il Trento DOC.

CARATTERISTICHE

Indicare dei descrittori che accomunino le diverse interpretazioni del Pinot Nero, per quanto detto sopra è molto difficile; una griglia minimale di degustazione generale e generica è di seguito riportata:

  • colore: rubino non particolarmente marcato per i vini rossi, mentre negli spumante si può parlare di giallo dorato
  • odore: elegante e raffinato; frutta rossa, sentori minerali e vegetali di amplissima varietà a seconda delle diverse espressioni
  • sapore: poco tannico, importante acidità e tenore alcolico che contribuisce a renderlo morbido. Di buona struttura, ma in caso di passaggio in legno diventa più decisa,
« Ritorna all'indice del glossario